• Artigianali

  • Recoltant manipulant

  • Biodinamici

Alain Reaut Champagne Sol Diese Brut

57,34 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Il 1992 è l'anno in cui Alain Reaut inizia la conversione delle sue vigne ad agricoltura biodinamica dopo aver paragonato il succo di uve nate dall’agricoltura tradizionale, che appaiono marrone sporco a quelle nate da agricoltura biodinamica, che risultano invece rosa chiaro, strutturate e dotate di aromi fruttati. Nel 2009 riceve le certificazioni Ecocert e Demeter con le quali riesce a garantire uno Champagne che riesca a preservare l'originnalità della vigna.
Prodotto di nicchia a causa della sua limitatissima produzione (500 bottiglie), lo Champagne Brut “Sol Dièse” è ottenuto dall’assemblaggio del 77% di Pinot Noir e del 23% di chardonnay, con affinamento di un terzo in botte piccola (35,10%). Il dosaggio è inferiore a 6 g/l e a questo particolarissimo champagne – dai profumi di frutta bianca – non sono stati aggiunti solfiti.
Uno Chamopagne da gustare durante una riunione tra amici appassionati, durante un'aperitivo ed accompagnato a crostacei e frutti di mare.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 79 EURO

Olfatto

Naso invitante ed intenso con aromi di frutta matura e pan di zucchero.

Gusto

Piacevole e pieno al palato, dove predominano le tipiche note acidule del pinot noir.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO NV
ALCOL 12.00
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE AOC Champagne
TEMPERATURA 6-8
UBICAZIONE Courteron (France)
PRODUZIONE ANNUA 0
TIPOLOGIA Champagne

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Alain Reaut
Ettari coltivati: 11
Indirizzo: Courteron (France)
Sito web: www.champagne-alainreaut.com

Alain Reaut, figlio di viticoltori, riprende nel 1978, all’età di vent’anni, l’azienda famigliare con sede nel piccolo villaggio di Courteron, al confine con la Bourgogne, insieme alla moglie Thérèse Noirot. La passione comune per la vigna li porta a coltivare circa 11 ettari di vigneti, splendidamente esposti al sole e impiantati a prevalenza pinot noir (85%). Nel 1992 Alain inizia la conversione all’agricoltura biodinamica dopo aver paragonato il succo di uve nate dall’agricoltura tradizionale, che appaiono marrone sporco a quelle nate da agricoltura biodinamica, che risultano invece rosa chiaro, strutturate e dotate di aromi fruttati. Tre anni più tardi arrivano le prime bottiglie di Champagne certificate “nate da uve coltivate in agricoltura biodinamica”. Unendo il savoir-faire di una volta e la modernità tecnologica la maison Reaut riesce ad ottenere prodotti di grande qualità. Certificata ECOCERT e DEMETER, nel 2009 Alain Reaut decide di aderire alla “FNIVAB” (Federazione interprofessionale nazionale dei vini di agricoltura biologica) con lo scopo di garantire uno Champagne esente da intrugli enologici superficiali e preservare così l’autenticità della vigna nella flûte. Oggi la maison Alain Reaut continua a coltivare ogni piantina di vigna con rispetto e attenzione e ad elaborare uno Champagne che riflette il territorio.