Alois Lageder Al Passo del Leone Rosso 2020

15,90 €
+-

Descrizione

Dettagli del vino

Realizzato per la prima volta completamente in linea con la filosofia biodinamica a partire dal 2009,  il rosso " Al Passo del Leone" è un pregiato blend Alto Altesino composto da diverse uve, Cabernet, Merlot, Lagrein, Syrah, Tannat, Petit verdot che porta la firma di Alois Lageder. La fermentazione viene svolta grazie all'azione dei lieviti  indigeni e si affina poi per un anno in botti di legno.
Vino estremamente vivace ed intrigante che si sposa appieno con i piatti a base di carne.

 

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Rosso ciliegia con riflessi rosso rubino.

Olfatto

Fruttato (ciliegia, bacca), speziato.

Gusto

Mediamente corposo, tannini freschi, lineare, sapido.

Abbinamenti

Con selvaggina, carne di manzo e agnello, formaggi saporiti.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2020
VITIGNI Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot, Petit Verdot, Schiava - Vernatsch
ALCOL 11.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE IGT Vigneti delle Dolimiti o Weinberg Dolomiten
TEMPERATURA 16-18
UBICAZIONE Tor Lowengang - Magre' (BZ)
TERRENO Ghiaiosi e molto calcarei.
VINIFICAZIONE Fermentazione malolattica, in botti di legno (circa 12 mesi). Fermentazione spontanea e macerazione in acciaio.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Alois Lageder
Anno avviamento: 1823
Nome enologo: Jo Pfisterer, Paola Tenaglia, Georg Meissner
Indirizzo: Vicolo dei Conti, 9 - Tor Lowengang - Magre' (BZ)
Sito web: www.aloislageder.eu

Alois Lageder 1823 - È sinonimo di qualità eccellente nell’attività vitivinicola, ma anche di una filosofia aziendale ispirata all’approccio olistico e sostenibile, e al ruolo centrale delle molteplici attività artistiche e culturali. Fondata nel 1823 e giunta ormai alla quinta generazione con l’attuale proprietario Alois Lageder, l’azienda spicca per la sua capacità di fondere tradizione e innovazione.