Badia a Coltibuono Chianti Classico 2018

13,51 €

PRODOTTO ESAURITO

Descrizione

Dettagli del vino

Il Chianti Classico dell'azienda Badia a Coltibuono è particolarmente apprezzato in quanto riesce ad esprimere in modo chiarissimo gli elementi qualificanti di un vino tipico della zona del Chianti Classico.  In particolar modo colpiscono  le complesse note violette, marasca, tabacco e pepe nero.  Caratteri ottenuti assemblando diversi uvaggi, predominante è sempre il Sangiovese, ma troviamo poi anche piccole quantità di  Canaiolo, Ciliegiolo e Colorino.  I vigneti si trovano in collina a circa 250/300 metri di altitudine dal livello del mare con orientamento perfetto a Sud. Oltre alla posizione geografica particolarmente favorevole che permette la piena maturità delle uve, la cantina Badia a Coltibuono pratica da molti anni sia in vigna che i cantina i criteri dell'agricoltura biologica. Quindi per donare ai propri vini caratteri sempre più personali è indispensabile avere un atteggiamento rispettoso dell'ambiente ospitante. 
Anche in cantina dopo la pigiatura, le uve restano a contatto con le bucce per almeno 3 settimane dove i lieviti indigeni daranno inizio al processo di fermentazione. Infine questo chianti viene lasciato ad impreziosirsi per almeno 12 mesi in botti di rovere francese e austriaco, che permetteranno di sviluppare tutti i sentori complessi che lo contraddistinguono. 
Infine nel bicchiere si presenta opulente, ben equilibrato e con tannini setosi. Direi che è un ottimo compagno per piatti importanti a base di carne.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Rosso rubino deciso.

Olfatto

Profumi di giaggiolo, violette, marasca, tabacco e pepe nero. Il gusto è asciutto, con acidità e tannini ben equilibrati.

Gusto

In bocca è fresco e sapido, abbastanza caldo e persistente. Al gusto presenta sentori minerali, frutta rossa, cuoio e aromi di torrefazione.

Abbinamenti

Primi piatti come la pasta. Piatti di carne e formaggi moderatamente stagionati.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2018
VITIGNI Canaiolo Nero, Ciliegiolo, Colorino, Sangiovese
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Guyot
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Manuale

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOCG Chianti Classico
TEMPERATURA 16-18
UBICAZIONE Gaiole in Chianti (SI)
TERRENO Argille calcaree di medio impasto.
AFFINAMENTO 12 mesi in botti di rovere francese e austriaco da 15 a 25 hl.
PRODUZIONE ANNUA 133000
PIANTE PER ETTARO 5500-6600 piante per ettaro
VINIFICAZIONE Fermentazione naturale con lieviti indigeni, macerazione di 3 settimane, follatura e delestage.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Gambero Rosso 2013
Gambero Rosso 2015
Gambero Rosso 2016
Gambero Rosso 2017
Gambero Rosso 2018
Veronelli 2016
Veronelli 2017
Bibenda 2015
Bibenda 2016
Bibenda 2017
Wine Spectator 2015 90
Wine Spectator 2016 93
Wine Advocated 2016 90
James Suckling 2017 92
James Suckling 2018 91

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Nome: Badia a Coltibuono
Anno avviamento: 1057
Ettari coltivati: 62
Nome enologo: Roberto Stucchi Prinetti, Maurizio Castelli
Indirizzo: Loc. Badia a Coltibuono - Gaiole in Chianti (SI)
Sito web: www.coltibuono.com

Badia a Coltibuono ovvero “l'abbazia del buon raccolto“, fu fondata dai monaci vallombrosani circa mille anni orsono, quale luogo di culto e di meditazione. Nel 1051, i monaci dell'ordine di Vallombrosa iniziarono a costruire questo monastero del “Buon Raccolto“ piantando contemporaneamente le prime vigne in quest’area. Nel XV secolo Coltibuono ebbe un ulteriore sviluppo sotto il patronato di Lorenzo de'Medici. Nel 1810, sotto il dominio napoleonico, i monaci furono obbligati a lasciare Coltibuono. Negli anni successivi la proprietà fu venduta prima attraverso una lotteria e nel 1846 fu acquistata da Michele Giuntini, banchiere fiorentino e antenato degli attuali proprietari. Sotto la guida di Piero Stucchi Prinetti la fattoria fu trasformata in azienda affermandosi in Italia ed all'estero. Oggi i figli Roberto, Emanuela e Paolo proseguono nell’opera intrapresa dai loro antenati oltre un secolo fa.