Bonnet-Ponson Champagne 1er Cru Cuvée Perpetuelle Extra Brut

42,50 €
+-

Descrizione

Dettagli del vino

Nel 1956, dall'unione tra André Bonnet e Monique Ponson, nasceva il Domaine Bonnet-Posson che nel corso della sua storia ha visto aumentare la sua fama come Recoltant Manipulant.

Oggi la quinta e sesta generazione sono alla guida del Domaine ed hanno promosso una coltivazione a basso impatto iniziando nel 2013 la conversione dei terroir ad agricoltura biologica certificata.

Amore per la propria terra, valorizzazione delle qualità dei vini, sono valori fondanti la filosofia aziendale che porta a lavorare con metodi rispettosi e sostenibili nelle vigne e nelle cantine.

I terreni su cui crescono le vigne sono una combinazione unica di elementi che danno origine a vini dalla spiccata personalità.

A partire dalla vendemmia, ogni fase della vinificazione è pensata per preservare il potenziale di invecchiamento del vino e rivelare la sua naturale qualità usando metodi morbidi e delicati.

Lo Champagne 1er Cru Cuvée Perpetuelle Extra Brut è ottenuto con parti uguali di Pinot Nero, Meunier e Chardonnay, raccolte nei vigneti Cru di Chamery, Vrigny e Coulommes la Montagne.

Corposo e aromaticamente intenso, la cuvée trae la sua identità dall'argilla calcarea e dai terrazzamenti sabbiosi delle 'petite montagne'.

Un vino che rappresenta un vero ricordo della storia enologica del Domaine e permette di preservare lo stile della casa.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Olfatto

Al naso, frutta bianca e agrumi si fondono con note candite, Mirabelle mature e aromi di nocciola.

Gusto

Freschezza nell'attacco, media struttura.

Abbinamenti

Lumache in crema di erba cipollina.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO NV
VITIGNI 30% Chardonnay, 40% Pinot Nero, 30% Pinot Meunier
ALCOL 12.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Manuale e pressatura dell'uva entro 4 ore.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE AOC Champagne
TEMPERATURA 6-8
UBICAZIONE Chamery (France)
TERRENO Sabbie silicee e calcaree, terreni limosi/argillosi su sottosuolo calcareo e argillosi con frammenti di macine.
AFFINAMENTO Sui lieviti 7 mesi prima dell'assemblaggio con il vino di riserva. 4 anni in bottiglia. Nessuna fltrazione, minimo uso di solfiti (meno di 40 mg/L).
VINIFICAZIONE Prima fermentazione in vari contenitori: serbatoio inox (85%), in botti di legno da 228l (15%). Fermentazione malolattica parzialmente svolta.
TIPOLOGIA Champagne

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Bonnet-Ponson
Anno avviamento: 1862
Indirizzo: 9 Chemin du Peuplier - Chamery (France)
Sito web: https://www.champagne-bonnet-ponson.com/en/champagne-bonnet-ponson/

Dal 1862, la nostra famiglia produce champagne a Chamery, con Grégoire Bonnet come uno dei primi manipolatori ricoltori del villaggio. Dopo di lui, Jules Bonnet ha esteso il dominio acquistando altri pacchi a Chamery e installando una pressa di legno da 5500 kg alimentata dalla forza umana, prima che l'elettricità raggiungesse il villaggio, intorno al 1902. Suo figlio Raoul si trasferì in un altro luogo del villaggio dopo la distruzione della cantina di famiglia a causa di un bombardamento della Seconda Guerra Mondiale. Iniziò quindi la costruzione delle nostre attuali grotte per conservare la sua piccola produzione di circa 5000 bottiglie all'anno. A lui si è rapidamente unito il figlio André, che all'età di 14 anni si occupava di arare le vigne di famiglia con i suoi due cavalli. Nel 1956, André Bonnet incontra Monique Ponson, che proviene dalla famiglia di un viticoltore di Vrigny, un altro villaggio della Montagne de reims. Con la loro unione, André e Monique avviarono il dominio Bonnet- Ponson, coltivando alcuni appezzamenti di Meunier e Pinot nero a Chamery, Vrigny e Coulommes la Montagne. Dopo una vita di duro lavoro, la superficie dei vigneti è stata estesa a 9 ettari, piantati con i tre vitigni in parti uguali. In una costante ricerca della qualità, André e Monique hanno anche aumentato la capacità delle cantine, scavando da soli le nuove grotte, nel terreno sabbioso di Chamery, per far invecchiare più a lungo il loro Champagne. Quando il loro figlio Thierry entrò nel dominio nel 1979, tutte le fasi della produzione dello champagne erano già in corso di lavorazione da parte della famiglia e dei loro 3 operai, compreso l'imbottigliamento e la sboccatura "a la volée" delle 70 000 bottiglie prodotte all'anno. Durante 30 anni, Thierry Bonnet ha continuato lo sviluppo del dominio con la costruzione di nuove grotte e l'aggiunta di un ettaro in più al vigneto, diversi nuovi appezzamenti nei villaggi di Chamery, Vrigny e Verzenay. Dopo aver studiato enologia e lavorato come produttore di vino rosso nel sud-ovest della Francia, Cyril Bonnet è entrato a far parte dell'azienda di famiglia nel 2013, iniziando contemporaneamente la conversione di tutto il vigneto al metodo di coltivazione biologico.