Conte Brandolini D'Adda Pinot Grigio Ramato 2021

10,80 €
+-
  1. Artigianali
  2. Biologici

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Luminoso nel color rame.

Olfatto

Aromi di fragoline di bosco mature, sambuco, mandorle e melone.

Gusto

Si percepisce con facilità l'equilibrio tra acidità ed alcol, che ne determina un piacevole e lungo finale.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2021
ALCOL 12.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Friuli Grave
TEMPERATURA 10-12
UBICAZIONE Sacile (Pordenone)
PRODUZIONE ANNUA 4000
TIPOLOGIA Bianchi

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Nome: Vistorta-Conte Brandolini D'Adda
Anno avviamento: 1969
Ettari coltivati: 34
Nome enologo: Samuel Tinon e Alec Ongaro
Indirizzo: Sacile (Pordenone)
Sito web: www.vistorta.it

Vistorta é un piccolo borgo nel cuore del Friuli Occidentale, inserito in una tenuta agricola di proprietà della famiglia Brandolini sin dal 1780. Due capitelli di età romana, che definiscono i confini delle proprietà fin dal secondo secolo d.C., sono ancora oggi a testimoniare l'origine agricola di Vistorta. Nel 1800 Guido Brandolini, dopo la laurea all'Università di Padova, si ritira a Vistorta, e la trasforma in una moderna ed efficiente azienda agricola, con una lungimiranza ed una larghezza di mezzi che ancor oggi sorprendono. La villa, la barchessa, e le case coloniche annesse testimoniano una concezione molto attuale dela sua attività agricola: la fama delle sue uve, delle sue cantine e la qualità dei suoi vini esce ben presto rinomati dai confini regionali. L'attuale azienda agricola Vistorta, che coltiva 220 ettari attorno alla villa, é condotta dal 1980 da Brandino Brandolini d'Adda. Laureato in agraria alla Texas A & M University, dopo la prima esperienza vinicola nell'altra azienda di famiglia di Chateau Greysac nel Bordeaux, Brandino progetta una riqualificazione di Vistorta sul modello francese: concentrare tutta l'attenzione su un solo grande vino rosso. Con la collaborazione di Georges Pauli (enologo di Chateau Gruaud Larose) alla fine degli anni '80 viene avviato l'impianto di nuovi vitigni che si integrano ai preesistenti nel produrre uve di grande qualità: non a caso la scelta é per il Merlot, vitigno originario del Bordeaux introdotto un secolo fa in Friuli, che perfettamente si adatta al "terroir" di Vistorta.