• Artigianali

  • Tripla A

  • Vegani

  • Vecchie vigne

  • Lieviti indigeni

  • Senza solfiti

  • Zero filtrazioni

  • Macerati sulle bucce

Dettori Bianco 2018

24,30 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Alessandro Dettori affermò nel 1988 : “Io non seguo il mercato, produco vini che piacciono a me, vini del mio territorio, vini di Sennori. Sono ciò che sono e non ciò che vuoi che siano”.
In queste parole è racchiusa tutta la filosofia di questa azienda che da decenni coltiva le sue terre con passione, rispetto e dedizione.

Il Dettori Bianco è uno dei vini più importanti prodotti da questa cantina, un Tripla A che racchiude tutte le caratteristiche di questi produttori, senza l'uso di concimi e seguendo le indicazioni della biodinamica.

Un Vermentino che si comporta quasi come un rosso, dalla grande consistenza e persistenza. Le uve sono tutte raccolte a mano, nessun filtraggio e nessuna chiarificazione, solo acciao e cemento.

Un vino che si degusta così come nasce in natura.

 

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 79 EURO

Colore

Colore giallo paglierino carico, con riflessi dorati e verdognoli.

Olfatto

Al naso la prima volta ne avverti l'intensità, la seconda la persistenza, le successive gli innumerevoli sentori, continuamente cangianti, di grandissima precisione, pulizia e piacevolezza. Su tutto, i fiori (la peonia e la ginestra) ed il frutto. Da sentori freschi di agrumi, cedro e pompelmo in particolare, passi ad accenni più polposi ed estivi di pesca gialla e albicocca, intensissimi ma perfettamente integri.

Gusto

In bocca è ricco e caldo, potente, ma mai aggressivo o esuberante nei modi, nonostante i suoi quasi 15 gradi di alcolicità. Grande acidità ed ottima vena sapida ne snelliscono il sorso morbido e fruttato invitando di continuo alla beva per un piacere garantito.

Abbinamenti

Vino da tutto pasto.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2018
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Alberello
ALCOL 15.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Solitamente a inzio Settembre, raccolta manuale in cassette.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE IGT Romangia
TEMPERATURA 8-10
UBICAZIONE Badde Nigolosu, a 300 m s.l.m.
TERRENO Terreno argilloso.
PRODUZIONE ANNUA 0
PIANTE PER ETTARO 5500
VINIFICAZIONE La durata della macerazione dipende dalle caratteristiche del mosto. Può durare dai due ai quattro giorni. Macerazioni più lunghe non appartengono alla nostra cultura. La svinatura avviene sempre a mano per preservare la buccia. Il mosto prosegue il suo cammino nelle piccole vasche di cemento sino al suo imbottigliamento che avviene di solito dopo due/tre anni. In Cantina non è stato utilizzato alcun prodotto di chimica di sintesi oltre allo zolfo. Non sono stati aggiunti lievi, enzimi ed ogni altro coadiuvante della vinificazione e maturazione del vino. Non filtrato, non chiarificato, non barricato.
PRODUZIONE In Vigna si utilizza solo lo zolfo, il corno letame, il corno silice ed il sovescio. 'uva viene diraspata ma non pigiata e viene fatta macerare nei tini di Cemento senza aggiunta alcuna di solforosa.
TIPOLOGIA Bianchi
RESA ETTARO 30 q.li

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Bibenda 2018

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Dettori
Anno avviamento: 2000
Ettari coltivati: 24
Nome enologo: Alessandro Dettori
Indirizzo: Località Badde Nigolosu Sennori - Sennori (SS)
Sito web: www.tenutedettori.it

"Se essere Homo Sapiens Sapiens significa guardare ma non osservare, mangiare ma non gustare, sentire ma non ascoltare, “sentire un odore” e non annusare… allora sono fiero di essere Homo Sapiens e basta. Mi sento animale alla pari con gli altri animali. Parte del pianeta terra e dell’universo. Voglio essere animale con la minima razionalità indispensabile alla mia libertà. Per questo faccio il vino… è il metodo che conosco per farmi sentire quello che sono: istintivamente animale." "Io non seguo il mercato, produco vini che piacciono a me, vini del mio territorio, vini di Sennori. Sono ciò che sono e non ciò che vuoi che siano." Alessandro Dettori - 1998 -