• Artigianali

  • Vignaiolo indipendente

  • Biologici

Domaine de l'Ancienne Cure Jour de Fruit Monbazillac 2017

16,98 €
+ -

Abbinamenti

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 79 EURO

Colore

Giallo pallido, traslucido.

Olfatto

Sentori di pesca bianca, frutta candita con note di miele e legno di cedro.

Gusto

La bocca è chiara, ampia, densa e grassa. Questo vino è ben bilanciato con un bel finale sulla frutta.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2017
VITIGNI 90% Semillon, 10% Muscadelle
ALCOL 13.00
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE AOC Monbazillac
TEMPERATURA 10-12
UBICAZIONE Colombier (France)
TERRENO Argilloso e calcareo.
AFFINAMENTO Sulle fecce dopo la fermentazione, con batonage regolari.
PRODUZIONE ANNUA 0
VINIFICAZIONE Macerazione per 30 ore, segue la fermentazione a bassa temperatura a 14 °C per 22 giorni.
TIPOLOGIA Dolci

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Nome: Domaine de l'Ancienne Cure
Anno avviamento: 1935
Ettari coltivati: 45
Indirizzo: Colombier (France)
Sito web: www.domaine-anciennecure.fr/en

Dalla metà del 19° secolo, 5 generazioni indietro , ci sono tracce di viti in questa piccola proprietà di famiglia a Colombier in Dordogna. In un primo momento le uve strofinato la produzione di cereali e di bovini da latte e, nel 1935, Amédée Roche fondata con alcuni viticoltori cooperativa vinicola Monbazillac . Nel 1968, i genitori di Christian Roche fecero il loro primo imbottigliamento al Domaine de l'Ancienne Cure. Nel 1984, ha ereditato parte della proprietà di famiglia e si stabilì lì come un enologo indipendente cinque anni dopo. Oggi il vigneto, in conversione all'agricoltura biologica , copre 45 ettari sulle denominazioni Monbazillac, Bergerac e Pécharmant . Il vitigno dominante - quasi la metà delle viti - è Semillon, seguito da Merlot, Merlot, Muscadelle, Sauvignon e Cabernet. Dopo una vinificazione, Christian Roche ebbe una consapevolezza: per superare se stesso, doveva tornare ai fondamenti, cioè alla terra e alla pianta per produrre belle uve. Questo desiderio di rinnovamento consente di produrre vini di alto livello, come le cuvée Extase e Abbaye.