Foradori Granato Magnum 2016

106,51 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

I vigneti dove crescono le uve di questo pregiato Teroldego Granato, derivano da antiche pergole del Campo Rotaliano, selezionati in parcelle diverse per un totale di 4 ettati.
Il nome del “Granato”, nome di un Teroldego di particolare concentrazione e fittezza che affonda le sue radici nelle pietre di tre vigneti del Campo Rotaliano.
Oltre alle attenzioni derivate dai composti biodinamici questo vino è il risultato di una fermetazione a tini aperti e poi un affinamento di 15 mesi in grandi botti. 
Di colore rosso rubito intenso. Al naso spiccano i sentori di frutta in particolar modo ribes e ciliegia. In bocca è intenso, con sentori di frutta e piacevoli note quasi di roccia umida.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Rosso rubino.

Olfatto

Il naso è interamente giocato su note che richiamano la frutta, da cui emergono piacevoli sensazioni di ciliegia e mora, impreziosite da tocchi più legnosi, derivanti dall'affinamento.

Gusto

Intenso, ampio, caratterizzato da una vena minerale e da un sorso dotato di un retrogusto fruttato.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2016
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Guyot
ALCOL 13.00
FORMATO 1,50 L Magnum

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE IGT Vigneti delle Dolimiti o Weinberg Dolomiten
TEMPERATURA 16-18
UBICAZIONE Comune di Mezzolombardo, Morei, Vignai, Sgarzon, Cesura, Regin: diverse parcelle per complessivi 5 ettari
TERRENO Terra alluvionale, ghiaioso - ciottolosa.
AFFINAMENTO 24 in botti di rovere.
PRODUZIONE ANNUA 20000
PIANTE PER ETTARO 6000
VINIFICAZIONE Fermentazione in grandi tini aperti.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Wine Advocated 1995 91
James Suckling 2007 92

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Nome: Elisabetta Foradori
Anno avviamento: 1901
Ettari coltivati: 25
Nome enologo: Emilio Zierock
Indirizzo: Via Damiano Chiesa, 1 - Mezzolombardo (TN)
Sito web: www.elisabettaforadori.com

Nel 1999 è stata costruita una nuova cantina, scavata sotto il vecchio fienile e riservata esclusivamente all’affinamento del Teroldego. Le piccole botti sono accatastate l’una sull’altra in forma di piramidi e sono immerse in un clima ideale grazie all’intonaco di argilla. Il vino matura in legno adagiato sulla ghiaia proveniente dal letto del Noce. La parete dell’ingresso alla cantina è costituita da grandi sassi levigati, la cui bellezza attira i visitatori. L’accostamento di elementi caldi e freddi, comuni e insoliti, semplici e raffinati, ed il mantenimento del giusto equilibrio fra natura e cultura sono le caratteristiche di questo luogo.