Giovanni Menti Roncaie Frizzante sui lieviti 2017

13,90 €

PRODOTTO ESAURITO

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Giallo paglierino intenso.

Olfatto

Sentori freschi e fragranti di agrumi, frutti e fiori bianchi, arricchita da lievi cenni di crosta di pane sullo sfondo.

Gusto

Sorso fresco e fruttato, dal corpo agile e snello.

Abbinamenti

Aperitivo per eccellenza, accompagna anche stuzzichini e antipasti leggeri.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2017
ALCOL 11.00
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Uva raccolta a mano a inizio settembre.

Dettagli

Informazioni

TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Gambellara (VI)
TERRENO Piannegianti vulcanici di origine alluvionale.
AFFINAMENTO Dopo un periodo di affinamento sui lieviti in vasca, viene aggiunto di mosto di Albina (uva garganega passita) il quale inizia una nuova fermentazione in tutta la massa con lieviti e zuccheri naturali. Imbottigliamento senza solfiti.
VINIFICAZIONE Dopo la raccolta, le uve portate in cantina vengono diraspate e pigiate a 0,6 bar. La fermentazione avviene totalmente con lieviti naturali e senza il controllo della temperatura.
TIPOLOGIA Bianchi

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Giovanni Menti
Indirizzo: Via Dottor Bruzzo 24 - Gambellara (VI)
Sito web: www.giovannimenti.com

L’azienda Menti Giovanni fu fondata in Gambellara dall’omonimo agricoltore a fine ‘800, il quale sui propri terreni di origine vulcanica coltivava uva garganega, piante da frutto, legumi e verdure per il sostentamento della propria famiglia. Subito dopo la seconda guerra mondiale, la gestione venne affidata al figlio Antonio, il quale incrementò la produzione di uva ed iniziò la vinificazione sia di vini secchi che passiti. Dal 1964, Antonio fu ufficialmente affiancato dal proprio figlio Giovanni detto Gianni, che all’inizio degli anni ’70 cominciò ad imbottigliare i vini Gambellara, Recioto di Gambellara e Vin Santo di Gambellara. Dal 2002, Stefano figlio di Gianni, lavora col padre, dimostrando da subito interesse per l’agricoltura biodinamica. Nel 2004 inizia la conversione biologica di tutta l’azienda pur non certificandola e prende forma parte dell’attuale organizzazione commerciale per la distribuzione dei vini nel territorio nazionale. Nel 2010 viene introdotta in azienda in modo pratico l’agricoltura biodinamica, la quale dà notevoli risultati a livello qualitativo alla vita del sistema agronomico aziendale, e nell’anno successivo si inizia la certificazione biologica dell’intera azienda. Nel 2012, dopo un decennio di militanza attiva nel Consorzio di tutela vini Gambellara, si decide di uscirne producendo solo vini da tavola e proprio nello stesso anno iniziano le esportazioni verso Giappone e Stati Uniti.