Girolamo Russo Etna Rosso Feudo 2017

54,90 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Rosso rubino intenso.

Olfatto

Sentori intensi di frutta fresca, tipica ciliegia e frutti di bosco con note evidenti di erbe aromatiche mediterranee.

Gusto

Ampio, di notevole eleganza, sorretto da una vena acida che lo rende fresco e vibrante, di ottima strutturae notevole persistenza gustativa.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2017
VITIGNI 5% Nerello Cappuccio, 95% Nerello Mascalese
ALCOL 14.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Etna
TEMPERATURA 16-18
UBICAZIONE Passopisciaro (CT)
AFFINAMENTO 16 mesi in barrique non di primo passaggio, poi 6 mesi in bottiglia.
PRODUZIONE ANNUA 3900
VINIFICAZIONE Fermentazione spontanea con lieviti indigeni e macerazione sulle bucce per 13 giorni.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Gambero Rosso 2015
Veronelli 2015
Veronelli 2018
Bibenda 2015
Bibenda 2017
Wine Spectator 2015 91
Wine Spectator 2016 91
Wine Advocated 2015 93
Wine Advocated 2016 93
Wine Advocated 2017 92
James Suckling 2013 93
James Suckling 2014 95
James Suckling 2018 94

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Girolamo Russo
Anno avviamento: 2005
Ettari coltivati: 18
Nome enologo: Emiliano Falsini
Indirizzo: Via Regina Margherita, 78 - Passopisciaro (CT)
Sito web: www.girolamorusso.it

Distesa sul versante nord dell’Etna, tra i 650 e i 780 metri, l’Azienda ha in proprietà 15 ettari di vigneti, incorniciati da noccioleti e uliveti. Nel 2005 Giuseppe Russo la rinnova, dandole il nome del padre e conservando l’eredità di questa sua famiglia nativa di Passopisciaro, uno dei borghi al centro della rinascita dei grandi vini rossi dell’Etna. Giuseppe e i suoi collaboratori coltivano le vigne in regime biologico, secondo la tradizione contadina: quella che ha permesso a vigneti vecchi anche di un secolo di giungere fino ad oggi. E così gli antichi impianti ad alberello, insieme ai nuovi filari, vengono lavorati principalmente a mano: potature corte, aratura, zappatura, legatura, zolfo e rame. Nel mese di ottobre, in vendemmia, si selezionano con accuratezza le uve, e si vinificano separatamente le diverse contrade, ognuna straordinariamente ricca di profumi, colori e vibrazioni. Per imprigionare nei singoli vini l’anima di ciascuna di esse. Le vigne sono in buona parte molto antiche, e alcune superano i 100 anni. Le loro radici affondano in un terreno unico al mondo: nei molti strati di sciara che il grande vulcano ha eruttato nel corso dei millenni. E ogni sciara (così i siciliani chiamano la vecchia lava, secondo l’etimo arabo) custodisce per le uve un diverso gruzzolo di minerali.