Grosjean Moscato Petit Grain 2019

14,51 €

PRODOTTO ESAURITO

Descrizione

Dettagli del vino

La storia della cantina  Grosjean è arrivata alla terza generazione mantenendo intatta passione e dedizione per il lavoro. Queste coltivazioni valdostane dovrebbero essere più prese in considerazione nella realtà vinicola nazionale, in quanto producono vini dalla grande personalità. Nato da coltura biologica con tecnica guyot, il Moscato Petit Grain è un bianco color giallo paglierino, molto fine e delicato con punte di salvia e menta. Molto fresco e secco si sposa in maniera egregia con asparagi, quiche di verdure ed uova.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Giallo paglierino scarico.

Olfatto

Tipico del Moscato ma molto fine e delicato con sentori di salvia e punte di menta. Bouquet complesso, aromatico.

Gusto

Fresco, buona sapidità, molto secco.

Abbinamenti

Con asparagi, quiche di verdure o uova.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2019
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Guyot
ALCOL 12.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Seconda decade di Settembre.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste
TEMPERATURA 10-12
UBICAZIONE Quart, Rovettaz (AO)
TERRENO Sciolti, sabbiosi, in zone molto ventilate.
AFFINAMENTO 5-6 mesi in acciaio su feccia fine con ripetuti battonnage.
PRODUZIONE ANNUA 3800
VINIFICAZIONE In bianco, con uso di pied de cuve indigeno.
TIPOLOGIA Bianchi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Veronelli 2016

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Grosjean
Anno avviamento: 1969
Ettari coltivati: 10
Nome enologo: Vincenzo Grosjean
Indirizzo: Ollignan (Aosta)
Sito web: www.grosjean.vievini.it

Dal 1781 da Fornet, piccolo villaggio della Valgrisenche, ormai sepolto dall'acqua della diga di Beauregard, scendevano i nonni materni fin qui per rifornirsi del vino e delle castagne per superare i lunghi inverni montani; fu poi nel 1969, stimolato dall'amico Pino Albaney, che Papà Dauphin, iniziò a imbottigliare il proprio vino per presentarlo alla "II exposition des vins du Val d'Aoste"; fu proprio questa fiera che stimolò l'iniziativa che portò l'azienda dai 3.000 mq. di vigneto agli attuali 7 ettari, coinvolgendo nell'attività i 5 figli. L'azienda è situata sul confine dei Comuni di Quart e Saint Christophe dove si trovano i vigneti di Tzeriat, Rovetta, Creton, Touren a Quart, Tzantè de Bagnère, Merletta e Castello di Pleod a Saint Christophe. Le viti coltivate inizialmente, oltre al tradizionale Petit Rouge, furono il Gamay, il Pinot Noir e la Petite Arvine, mentre attualmente si stanno coltivando anche gli autoctoni quali Fumin, Cornalin, Prëmetta e Vuillermin. Le tecniche colturali sono profondamente legate al rispetto dell'ambiente pertanto è dal 1975 che non vengono effettuati trattamenti insetticidi e acaricidi e le concimazioni vengono effettuate rigorosamente con concimi di origine organica.