Henri Milan Le Grand Blanc 2012

29,28 €

PRODOTTO ESAURITO

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Giallo dorato brillante.

Olfatto

Intense note di frutta gialla e floreali. In bocca, si slancia con grande freschezza e mineralità.

Gusto

Profilo arrotondato, chiude su un finale lungo di aromi fruttati. Armonia, equilibrio e grande eleganza.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2012
VITIGNI Chardonnay, Moscato Bianco, Grenache blanc, Roussanne
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Saint-Rémy-de-Provence (France)
TERRENO Calcareo e argilla blu.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Bianchi

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Henri Milan
Anno avviamento: 1955
Indirizzo: Via Aurelia - La Galine - Saint-Rémy-de-Provence (France)
Sito web: www.domaine-milan.com/en

Installati dal 1955 su un terreno noto fin dall'antichità, i vini prodotti su "Domaines Milan" trovarono la loro fonte nel soggiorno dei papi ad Avignone. Così se il vino rosso procedeva di Chateauneuf del Papa, i registri ecclesiastici fanno stato dei vini bianchi prodotti nella buona città: San Remy de Provence ... Questa terra magica che a noto se ben illustrata da Vincent Van Gogh . Situata a nord delle Alpilles, la diversità geologica di questa regione e la passione per i grandi vini hanno permesso a Henri Milan di risvegliare questo grande terreno sonnolento. È così che dal 1986 ha preso il destino della sua proprietà nell'avere l'ambizione di fare il miglior vino possibile e soprattutto nel rispetto della natura. Fin dall'origine, un'analisi veloce ed un gusto pronunciato per i vini bordeaux ci ha spinto a separare le diverse parcelle di fatto della loro diversità geologica. Questo è come progressivamente della tenuta di concimazione di queste specificità, ha creato successivamente la "Cuvée des Garçons" e il "Tuiliere Vieille" dal 1986, poi il "Clos Milan" nel 1989 e infine la "Mourre de Viret" nel 1998.