• Vecchie vigne

  • Lieviti indigeni

  • Zero filtrazioni

  • Macerati sulle bucce

La Castellada Collio Bianco della Castellada 2013

30,50 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 79 EURO

Colore

Giallo dorato, cristallino.

Olfatto

Note di ginestra, frutta tropicale, con un finale di vaniglia ed erbe aromatiche.

Gusto

Di grande classe e potenza, caldo, morbido, di bella freschezza.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2013
VITIGNI 30% Chardonnay, 50% Pinot Grigio, 20% Sauvignon
ALCOL 14.00
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Collio Goriziano o Collio
TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Oslavia
TERRENO Terreno marnoso.
AFFINAMENTO 12 mesi in barrique, poi 24 mesi in acciaio e 12 mesi in bottiglia.
PRODUZIONE ANNUA 0
VINIFICAZIONE Fermnetazione alcolica spontanea con lieviti indigeni in barrique con macerazione sulle bucce per 4 giorni e successivo svolgimento di malolattica. Senza filtrazioni.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Bianchi
RESA ETTARO 45 q

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Wine Advocated 2012 92

Cantina

Nome: La Castellada
Anno avviamento: 1985
Ettari coltivati: 10
Nome enologo: Stefano Bensa
Indirizzo: Località Oslavia, 1 - Gorizia (GO)
Sito web: lacastellada.it

Lungo la strada che percorre il crinale delle colline di Oslavia, piccola frazione di Gorizia a ridosso del confine sloveno, si estendono i vigneti della famiglia Bensa, coltivati dai fratelli Giorgio e Nicolò e dai più giovani Matteo e Stefano. Era il 1985 quando i due fratelli cominciarono a imbottigliare il vino che l'azienda di famiglia produceva, creando il marchio de La Castellada, dal nome di una collina di Oslavia. L'azienda è costituita da 10 ettari di vigneto di cui 5 popolati da piante molto vecchie (45-55 anni d'età) e l'altra metà da piante più giovani ma con una resa inferiore, in modo da raggiungere maggiori maturazioni e concentrazioni di zuccheri. Il microclima è determinato da escursioni termiche e da un'aria fresca e ventilata che viene dalle Alpi Giulie e dal mar Adriatico mentre il suolo presenta sedimenti sottomarini stratificati di marne e arenarie di origine eocenica. La tecnica di coltivazione ammette l'uso esclusivo di solfato di rame e zolfo e l'inerbimento lungo i filari, svolgendo il ruolo di regolatore idrico, rende non necessaria l'irrigazione. La predilezione per le tecniche naturali è evidente anche in cantina, dove si seguono con grande rigore le tecniche enologiche tradizionali. Tutte le uve fermentano a contatto sulle bucce in tini troncoconici per periodi più o meno lunghi e sotto l'azione di soli lieviti indigeni. I vini affinano poi in barrique o in grandi botti per uno o due anni e poi in acciaio per un altro anno per venire, infine, imbottigliati senza filtrazione. In bottiglia il vino riposa almeno un anno prima dell'uscita sul mercato. Condizioni pedoclimatiche ideali, una coltivazione rigorosa e un lavoro in cantina che si limita agli interventi minimi e non invasivi, investendo sul tempo di maturazione, sono la base di una produzione elegante e raffinata che ha saputo guadagnarsi l'attenzione di appassionati estimatori in tutto il mondo. La magia inconfondibile delle uve di Oslavia, custodita in cantina con pazienza e rispetto assoluto per la tradizione per diversi anni, raggiunge la massima espressione nelle bottiglie de La Castellada e sprigiona nel bicchiere emozioni uniche e inconfondibili.