La Staffa Castelli di Jesi Verdicchio Classico Rincrocca Riserva 2018

24,17 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Il Verdicchio "Rincrocca" è la selezione della vigna più importante della mia azienda. Il Vigneto si trova su di una collina, in Contrada Castellaretta, dalla quale il vino prende il nome.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Dorato luminoso.

Olfatto

Tipico profilo olfattivo disegnato dai tratti varietali di pesca gialla in polpa e nocciolo fresco, arbusti di ginestra in fiore, erbe officinali con cereali e ricca vena minerale calcarea.

Gusto

L'intensa progressione fresco sapida, ben bilanciata dalle note gliceriche, rende dinamico il sorso e lungo il finale ricco di echi minerali e fruttati.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2018
ALCOL 13.00
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Raccolta manuale.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Verdicchio dei Castelli di Jesi
TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Contrada Castellaretta - Staffolo (AN)
TERRENO Argilloso-calcareo. Importante la componente salina, alta presenza di carbonato di calcio nel terreno, tipico della zona Castellaretta.
AFFINAMENTO In vasche di cemento per 12 mesi , imbottigliamento, affinamento per altri 12 mesi in bottiglia.
PRODUZIONE ANNUA 5500
VINIFICAZIONE Pressatura soffice , decantazione statica dei mosti , fermentazione esclusivamente in cemento.
TIPOLOGIA Bianchi
RESA ETTARO 6 ton/ettaro

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Gambero Rosso 2017
Bibenda 2016
Bibenda 2017

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: La Staffa
Anno avviamento: 1992
Ettari coltivati: 10
Nome enologo: Umberto Trombelli, Riccardo Baldi
Indirizzo: Via Castellaretta, 19 - Staffolo (AN)
Sito web: www.vinilastaffa.it

Era il 2004 quando la famiglia Baldi comprò un piccolo podere a Staffolo, in una delle zone maggiormente vocate alla coltivazione del Verdicchio. Riccardo Baldi, l’attuale proprietario, iniziava allora le scuole superiori, terminate le quali ha preso le redini della piccola azienda, sino ad allora seguita dal padre. Dal 2010, anno della prima vendemmia, è stata percorsa molta strada anche grazie ai preziosi consigli di Lucio Canestrari, il titolare di Fattoria Coroncino che di Verdicchio e Staffolo vanta una lunga esperienza. Gli ettari vitati sono diventati dieci, con l’acquisizione di nuovi appezzamenti anche a Cupramontana e San Paolo sul lato sud della Vallesina. Il corpo centrale si trova in Contrada Castellaretta, sui tipici terreni prevalentemente argillosi e calcarei, ricchi di carbonato di calcio, posti tra i 400 e i 500 metri di altitudine, che assicurano forti escursioni termiche. Riccardo Baldi cura, ormai, ogni fase della produzione avvalendosi della collaborazione di Umberto Trombelli in cantina e di Luca Severini in vigna. La conduzione delle vigne di Staffolo è biologica certificata dalla vendemmia 2016 e sono allo studio interventi per ridurre il più possibile anche l’utilizzo del rame. Il vecchio impianto risale al 1972 ed è a Guyot doppio, mentre l’ultimo, del 2010, è singolo. La produzione è in evoluzione, tanto che esordisce quest’anno una Riserva chiamata Selva di Sotto con una selezione di uve della vigna più alta di Staffolo, sita in località Selva Comperseto a 520 metri di altitudine. L’impianto a doppio Guyot risale al 1974 e i suoli sono meno argillosi e particolarmente ricchi di calcare e roccia affiorante. Verdicchio ovviamente padrone di vigna e cantina con le due espressioni “classiche” il La Staffa prodotto con uve di tutte le vigne di Staffolo e la Riserva Rincrocca frutto di una selezione della vecchia vigna. La gamma include anche un Verdicchio frizzante rifermentato sui lieviti con il metodo ancestrale, non in assaggio. La stessa sorte ha subito anche l’unico rosso aziendale, il Rubinia, un Igt da uve Montepulciano, da cui nasce anche il Rosato Igt l’Aurora.