La Stoppa Vigna del Volta 0.5L

27,40 €
+-

Descrizione

Dettagli del vino

La versione giovane del taglio più tipico dei Colli Piacentini, ottenuto dalle uve locali Barbera e Bonarda, nasce dalla selezione delle uve dagli acini più grandi, dalle vigne più giovani e di fondovalle.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Giallo con riflessi dorati.

Olfatto

Al naso sentori di frutta secca come fichi e uva passa.

Gusto

Al palato il vino risulta dolce con richiami di frutta matura.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO NV
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Guyot semplice e GDC.
ALCOL 13.00
FORMATO 0,50 L

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Colli Piacentini
TEMPERATURA 10-12
UBICAZIONE Loc. Ancarano di Rivergaro (PC)
TERRENO Limoso argilloso.
AFFINAMENTO In barriques di rovere francese usate.
PRODUZIONE ANNUA 5000
PIANTE PER ETTARO 6000
VINIFICAZIONE Macerazione sulle bucce per circa 20 giorni in vasca d'acciaio e/o cemento. Fermentazione spontanea con lieviti indigeni.
PRODUZIONE Agricoltura biologica, con inerbimento spontaneo, nessuna concimazione, diserbo e pesticidi.
TIPOLOGIA Dolci

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: La Stoppa
Anno avviamento: 1973
Ettari coltivati: 31
Nome enologo: Giulio Armani
Indirizzo: Loc. Ancarano di Rivergaro (PC)
Sito web: www.lastoppa.it

La Stoppa esiste dalla fine dell'800 ed era proprietà di un armatore genovese interessato fin da allora a produrre vini di qualità; utilizzava vitigni internazionali come il Sémillon, il Sauvignon, il Merlot, il Pinot Nero ed il Cabernet Sauvignon. La Famiglia Pantaleoni acquistò l'azienda nel 1973 e, pur proseguendo sulla strada già tracciata, investì anche in vitigni tradizionali come Barbera, Bonarda e Malvasia. Oggi l'azienda si estende su 50 ettari di cui circa 30 coltivati a vigneto. Si è specializzata nella produzione di vini rossi da invecchiamento e vini da dessert. La conduzione aziendale è affidata a Elena Pantaleoni con la collaborazione dell'enologo Giulio Armani.