Majolini Franciacorta Disobbedisco Extra Brut Bio

26,29 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Paglierino dorato.

Olfatto

Ricorda lime, polvere pirica, mimosa, ananas e minerali.

Gusto

All'assaggio è vellutato e dotato di vigore acido e minerale. Lungo e fruttato.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO NV
ALCOL 12.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOCG Franciacorta
TEMPERATURA 6-8
AFFINAMENTO In primavera viene realizzata la cuvée ed effettuato l'imbottigliamento per la presa di spuma. A seconda delle vendemmie il vino di base può essere di una sola annata oppure di annate diverse. Il vino viene poi fatto maturare con i propri lieviti per alcuni anni.
PRODUZIONE ANNUA 6000
VINIFICAZIONE Le uve, a perfetto grado di maturazione, in tempi brevissimi dalla raccolta, vengono pigiate in modo soffice e fatte fermentare in vasche d'acciaio ad una temperatura controllata di circa 18 °C.
TIPOLOGIA Spumanti

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Bibenda 0000

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Majolini
Anno avviamento: 1981
Ettari coltivati: 24
Nome enologo: Jean Pierre Valade, Cesare Ferrari
Indirizzo: Via Manzoni, 3 - Loc. Valle - Ome (BS)
Sito web: www.majolini.it

Le radici che legano la famiglia Majolini alla sua terra sono profonde e partono da lontano – ci racconta Ezio Maiolini – Vanno cercate fin nel XV secolo, quando la nostra famiglia si insedia ad Ome. Il legame con la viticoltura nasce quasi subito e già il nostro cognome, mutuato proprio da un vitigno autoctono, quello dell’uva Majolina, è la testimonianza di questa avventura. Il legame alla nostra terra ci ha portato grandi soddisfazioni! Soprattutto a nostro padre Valentino da cui abbiamo ereditato la passione e l’amore per la produzione del vino. Fu lui a decidere, verso la fine degli anni ’60, di sistemare la vecchia cantina di famiglia e di avviare la coltivazione del Ruc di Gnoc, un magnifico vigneto d'alta collina che ancora oggi produce l’omonimo vino. Nessun stupore, quindi, se io e i miei fratelli abbiamo voluto rafforzare le nostre radici, sviluppando ulteriormente il progetto avviato da nostro padre. La svolta decisiva è avvenuta con l’acquisizione, all'inizio degli anni '90, della splendida area denominata Campèi. Nel 1995 sono iniziati i lavori per la costruzione della nuova cantina, una realtà di 4.000 metri coperti, posta a dominio di una vallata incomparabile. Parlare di sviluppo di una cantina significa dare una grande importanza alla ricerca. Chi produce un vino d’eccellenza, non può e non vuole pensare allo sviluppo in termini numerici, ma in termini qualitativi. Dal 1981 ad oggi il nostro principale impegno è stato accrescere il potenziale dei nostri vigneti, proteggere e accrescere il valore del territorio e ottimizzare le procedure produttive nel rispetto rigoroso della tradizione vinicola.