Petrilli Nero di Troia Motta del Lupo 2019

8,77 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2019
VITIGNI Bombino Nero, Montepulciano, Sangiovese, Uva di Troia
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Cordone speronato.
ALCOL 13.00
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Metà Settembre per il Sangiovese, inizio Ottobre per il Montepulciano e il Bombino, fine Ottobre per il Nero di Troia.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE IGT Puglia
TEMPERATURA 16-18
AFFINAMENTO In acciaio Imbottigliamento: a 6 mesi, filtrato.
PIANTE PER ETTARO 5000
VINIFICAZIONE Pigiatura e diraspatura soffice ad acini interi. Fermentazione: parte in tini tronco conici di rovere francese e di slavonia, parte in acciaio a temperatura controllata con rimontaggi e delastage.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi
RESA ETTARO 2 Kg per pianta.

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Paolo Petrilli
Nome enologo: Filippo Giannone, Andrea Boaretti
Indirizzo: Contrada Motta della Regina - Lucera (FG)
Sito web: www.paolopetrilli.it

Rinomato produttore biologico e profondo conoscitore del territorio foggiano, Paolo Petrilli ha intrapreso da circa 10 anni anche l’attività di viticoltore, con l’obiettivo di puntare alla produzione di vini di altissima qualità che siano rappresentativi del territorio di Lucera. Obiettivo che si è realizzato in pieno grazie alla produzione del Cacc’e Mmitte, un vino dal carattere unico e potente, che rappresenta in maniera perfetta il terrior di Lucera. Equilibrio ed eleganza sono le caratteristiche che Paolo Petrilli ricerca ed è ciò che noi ritroviamo nel bicchiere, mentre degustiamo i suoi vini. Gli anni d’esperienza lo hanno fatto propendere per la vinificazione in tini di legno, rinunciando progressivamente a quelli in acciaio; utilizzo del legno che rimane, comunque, sempre ben dosato e calibrato per l’affinamento dei suoi vini. Il progetto di Paolo ha trovato terreno fertile nella produzione del Cacc’e Mmitte di Lucera, vino rinomato in passato molto più per la sua forza che per la sua finezza ed eleganza.