Punset Barbaresco Basarin Riserva 2013

32,16 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Rosso rubino granato e con gli anni assume toni leggermente aranciati.

Olfatto

Profumi balsamici e di frutti di bosco che si fondono con aromi complessi di tabacco, cuoio, cioccolato e di spezie, aggraziati, delicati, suadenti.

Gusto

Caldo, vellutato, armonico.

Abbinamenti

Il Barbaresco è tradizionalmente il compagno dei secondi piatti ma grazie ai suoi aromi delicati trova un giusto legame anche con risotti e primi piatti saporiti e con tutti i formaggi. Qualcuno, abbozza anche un abbinamento con i dessert a base di cioccolato.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2013
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOCG Barbaresco
TEMPERATURA 18-20
UBICAZIONE Neive (CN)
PRODUZIONE ANNUA 10000
DECANTAZIONE 2 ore
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Wine Spectator 2016 90
James Suckling 2013 91

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Punset
Anno avviamento: 1964
Ettari coltivati: 15
Nome enologo: Marina Marcarino, Piero Ballario
Indirizzo: Via Zocco, 2 - Neive (CN)
Sito web: http://www.punset.com/

Il termine Punset deriva dal dialetto piemontese ed ha origine leggendaria: pare che storicamente i Conti di Castelborgo usassero questo vezzeggiativo, che significa letteralmente “bella collina” o “punta”, per descrivere l’unica delle loro tenute che svettava dalle nebbie autunnali e che poteva essere così ammirata dal loro castello. I vigneti sono di proprietà della famiglia Marcarino da tempi lontani ed è difficile risalire alla data di inizio delle attività di vinificazione; questo in passato non rappresentava l’impegno principale di casa e la produzione di vino si limitava a dover soddisfare il consumo familiare. Renzo Marcarino, nel 1964, inizia ufficialmente l’attività ponendo le prime bottiglie sul mercato. All’inizio degli anni ’80 una scelta determinante, voluta e portata avanti dalla figlia Marina, segna la svolta: convertire la totalità dell’azienda alla coltivazione biologica, eliminando ogni genere di pesticida e tutti i prodotti di sintesi.