Rocca di Montemassi Sassabruna 2018

11,50 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Rocca di Montemassi è una realtà agricola maremmana che si protende verso le colline metallifere da un lato, e verso il mare dall'altro, racchiudendo le molte anime di quest'angolo di Maremma Toscana: il suolo fervido e ricco di tesori, l'esplosione di luce, la natura austera e a tratti rustica. I vigneti distesi su poggi e dolci declivi accolgono varietà locali ed internazionali con eguale prosperità, e grazie al connubio tra moderna tecnologia e sapienza antica generano vini importanti, pregni di forza e di carattere. Accanto alla coltivazione di varietà antiche di cereali, l'allevamento della pregiata vacca Maremmana, e l'orto sperimentale completano un variegato mosaico, che si concretizza come esempio ideale di fattoria toscana, propulsore e testimone autentico di vita rurale contemporanea.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Rosso rubino molto intenso.

Olfatto

Ricco e complesso con evidenti note di frutta rossa matura e di sottobosco, accompagnate da sentori speziati e di liquirizia.

Gusto

Sapore di corpo, avvolgente e con un finale persistente in cui si colgono le note speziate avvertite al naso.

Abbinamenti

Vino di corpo che si sposa felicemente con i piatti della tradizione toscana: pappardelle con sugo di cinghiale, bistecca alla Fiorentina, selvaggina arrosto e saporiti formaggi a pasta dura.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2018
VITIGNI 10% Merlot, 80% Sangiovese, 10% Syrah
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Maremma Toscana
TEMPERATURA 18-20
UBICAZIONE Montemassi Grosseto (GR)
AFFINAMENTO Terminata la fermentazione malolattica, il vino è posto a maturare in botti di rovere francese da 350 litri per 12 mesi. Segue un ulteriore affinamento di 4 mesi in bottiglia.
VINIFICAZIONE Il mosto, ricavato da uve raccolte a piena maturazione, fermenta in fermentini verticali per circa 20 giorni alla temperatura di 28 - 30 °C.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Gambero Rosso 2017
Veronelli 2016
Veronelli 2017
Bibenda 2015
Bibenda 2016
Bibenda 2017
Wine Spectator 2011 88
James Suckling 2015 92
James Suckling 2016 93
James Suckling 2017 91

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Nome: Rocca di Montemassi
Anno avviamento: 1998
Ettari coltivati: 160
Nome enologo: Federico Giovannetti
Indirizzo: Loc. Pian del Bichi - Montemassi Grosseto (GR)
Sito web: www.roccadimontemassi.it

Fin dal VI secolo prima di Cristo, durante il periodo etrusco, nel territorio di Montemassi non fu mai cessata la coltivazione della vigna. I terreni della tenuta sono dominati da un insediamento fortificato che risale con tutta probabilità al X secolo. È con la famiglia degli Aldobrandeschi che il castello entra nel vivo della storia medievale, fino alla loro cacciata nel 1260, quando le truppe senesi distrussero il castello. Saranno i Pannochieschi a ricostruirlo, dotandolo anche di una nuova fortificazione, fino all’anno fatidico, il 1328, al quale risale il tentativo di ribellione a Siena, con l’aiuto di Castruccio Castracani. Ma le milizie senesi l’ebbero vinta. L’evento fu immortalato nel celebre dipinto di Simone Martini, che si trova nel Palazzo pubblico di Siena, raffigurante Guidoriccio da Fogliano a cavallo; sullo sfondo, oltre al castello di Montemassi, sono dipinte le tende dell'accampamento delle sue truppe circondate da alcuni vigneti. La proprietà a sud di Montemassi venne assegnata alla famiglia senese dei Bichi. Nel 1632 il Granduca Ferdinando II di Toscana istituì il Marchesato di Montemassi e Roccatederighi, affidandone la guida ai Malaspina di Mulazzo: guida che passò successivamente ai Cambiaso di Genova, ai Marchesi Bichi di Roccalbegna e al Marchese Bichi Rispoli fino al 1826. Per intrecci dinastici la proprietà di Montemassi passò ai Forteguerri, altra nobile famiglia senese che fortemente ha innovato nei secoli l’agricoltura maremmana e abbellito d’arte i propri possedimenti da grandi mecenati. Dal 1998 la tenuta Rocca di Montemassi è di proprietà della famiglia Zonin.