-
  • Artigianali

  • Lieviti indigeni

  • Senza solfiti

  • Biologici

San Valentino Vivi Rebula Colli di Rimini 2017

20,42 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Rebola è un vitigno presente nel territorio riminese che ancora oggi pochissime aziende lavorano, ma tra queste troviamo l'Azienda San Valentino della famiglia Mascarin, da sempre promotrice dei vitigni presenti in questa zona.

Azienda ad agricoltura biologica, oggi produce questo nuovo vino denominato VIVI, dedicato a Valeria Vivian moglie di Roberto Mascarin, ottenuto da Grechetto Gentile denominazione con la quale oggi viene indicata la Rebola.

Prodotto in appena 3000 bottiglie, viene ottenuto tramite fermentazione spontanea in acciaio e maturazione sulle fecci con batonnage in vasche di cemento.

Vino molto interessante ed originale.

 

 

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 79 EURO

Colore

Giallo paglierino.

Olfatto

Gradevoli i sentori olfattivi, che richiamano il biancospino, la ginestra, la frutta a polpa bianca e gli agrumi.

Gusto

Leggermente sapido, sorretto da una buona spalla acida e appena ammandorlato in chiusura.

Abbinamenti

Ottimo con piatti di pesce, crostacei e formaggi freschi

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2017
SISTEMA DI ALLEVAMENTO A spalliera con potatura a guyot.
ALCOL 12.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Manuale

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Colli di Rimini
TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Croce di Montecolombo, Rimini (RN)
TERRENO Argilloso calcareo.
AFFINAMENTO In cemento sulle fecce finì per 8 mesi con periodici batonage.
PIANTE PER ETTARO 5000
VINIFICAZIONE Fermentazione naturale in acciaio con lieviti indigeni.
TIPOLOGIA Bianchi
RESA ETTARO 1 kg.

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Nome: San Valentino Azienda Agricola
Ettari coltivati: 28
Indirizzo: Via Tomasetta, 13 - Rimini (RN)
Sito web: www.vinisanvalentino.com

San Valentino utilizza in vigna le tecniche agronomiche biodinamiche secondo le direttive del famoso agronomo Michel Barbaud: niente prodotti chimici di sintesi, armonizzazione dei valori chimici del terreno seminando in vigna piante che contribuiscono a ristabilire i corretti e naturali valori degli elementi chimici. Ad esempio, tra le vigne, vengono piantati periodicamente ed a rotazione avena, favino, leguminacee in genere che servono ad aggiungere a riequilibrare le componenti organolettiche del terreno in maniera naturale e spontanea.