-
  • Lieviti indigeni

  • Biologici

Santa Barbara Verdicchio Castelli di Jesi Back to Basics Bio 2018

12,81 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Questo Verdicchio Castelli di Jesi Back to Basic nasce dalla lavorazione di uve Verdicchio con certificazione Biologica. Stefano Antonucci, a capo dell'azienda Santa Barbara, ha sempre valorizzato i vigneti autoctoni marchigiani per diffonderli in tutto il mondo.  La fermentazione avviene con lieviti indigeni ed il mosto resta a macerare con le bucce per una settimana. Dopo la fermentazione il vino resta a contatto con le proprie fecce fino all'imbottigliamento. Il colore è giallo intenso con note di mela verde e mandorle. Gusto equilibrato e persistente. Si può abbinare con piatti di pesce e carni bianche. 

 

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 79 EURO

Colore

Giallo paglierino.

Olfatto

Delicato, floreale e fruttato.

Gusto

Ricco di frutta fresca e fiori bianchi con retrogusto di mandorla dolce, corpo snello e brioso. Persistenza discreta.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2018
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Controspalliera capovolto
ALCOL 14.00
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Verdicchio dei Castelli di Jesi
TEMPERATURA 8-10
UBICAZIONE Barbara (AN)
TERRENO Tufaceo sabbioso.
VINIFICAZIONE La vinificazione ha una durata media di due settimane, durante le quali viene controllata la temperatura e si utilizzano lieviti selezionati che sono dei buoni fermentatori.
TIPOLOGIA Bianchi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Veronelli 2016

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Santa Barbara
Anno avviamento: 1984
Ettari coltivati: 45
Nome enologo: Pierluigi Lorenzetti
Indirizzo: Borgo Mazzini, 35 - Barbara (AN)
Sito web: www.santabarbara.it

L’ azienda Santa Barbara si è posta fin dall’inizio della sua attività due obiettivi: il rilancio delle uve autoctone, Verdicchio e Montepulciano, e la creazione di vini di "gusto internazionale" che avessero originalità e grande personalità. Il compito che ci siamo imposti non è certamente dei più facili, ma il vino richiede coraggio unito ad una punta di incoscienza. Nel panorama dei verdicchi, ai già noti Pignocco Bianco, Le Vaglie e Stefano Antonucci, da questo anno si aggiunge il "Tardivo ma non Tardo" verdicchio classico surmaturato in pianta vendemmia 2001. Siamo molto soddisfatti della qualità, dopo quattro tentativi nelle vendemmie precedenti siamo riusciti ad ottenere un vino molto particolare, che racchiude profumi muschiati uniti ad una grande persistenza; caratteristiche che fanno ben sperare in una buona longevità. Ancora una novità, "Il Maschio da Monte" Montepulciano in purezza affinato in barriques, la prima annata vendemmia 2000 ha riscosso grande successo, conseguendo anche i "5 grappoli" della guida A.I.S. 2003". E’ un vino fortemente legato al nostro territorio che esalta i pregi di questa grande, ma estremamente difficile, uva. I profumi intensi di marasca e frutti di bosco hanno incuriosito ed attratto i consumatori che ne hanno fatto loro beniamino. Sviluppiamo, per concludere, il secondo punto del programma: in questa ottica nasce il Pathos da uve Merlot, Cabernet-Sauvignon e Syrah in parte uguali, ma con una peculiarità: tutte e tre le uve sono allevate nello stesso vigneto che lo rende davvero interessante. Affinato in barriques francesi "nuove" già alla vendemmia 2000 ha dato segni di grande personalità. Molto più convincente l’edizione 2001 con sentori ancora più verticali di frutta di bosco uniti ad una eleganza davvero notevole. La Santa Barbara prosegue comunque nella sua ricerca sperimentale tendente sempre, ad esaltare i prodotti di questa nostra grande terra.