• Biologici certificati

Tempa di Zoe
Campania - Italia

Tempa di Zoe Asterias Fiano 2016

19,56 €
+ -
Pesce
Crostacei
Formaggi

Descrizione

Dettagli del vino

Colore

Paglierino dai riflessi oro verde.

Gusto

Sorso di buon corpo, caratterizzato da buona vena sapida, moderata freschezza e persistenza agrumata e vegetale.

Olfatto

Olfatto articolato su sensazioni di erba falciata, mela smith, pera abate, gelso bianco, glicine, biancospino, pepe bianco, basilico, mentuccia, scorzetta di cedro candito, rintocchi vanigliati e mandorla fresca.

Abbinamenti

Ideale per pesci al forno o in crosta di sale, primi e secondi dal mare ma anche formaggi freschi.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2016
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE IGT Campania
TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Torchiara (SA)
AFFINAMENTO 11 mesi per il 60% in serbatoi di acciaio e il 40% in botti di quercia da 10 hl. Circa 2 mesi in bottiglia.
PRODUZIONE ANNUA 0
VINIFICAZIONE Fermentazione alcolica in serbatoi di acciaio previa pressatura soffice.
TIPOLOGIA Bianchi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Bibenda 2016
Wine Advocated 2016 87

Cantina

Tempa di Zoe

Nome: Tempa di Zoe
Anno avviamento: 2017
Ettari coltivati: 4
Nome enologo: Bruno De Conciliis
Indirizzo: Via Carpineto - Torchiara (SA)
Sito web: www.tempadizoe.it

Quando ad unirsi in un’impresa vinicola sono amici affiatati, il successo possibile diventa certo se gli stessi hanno mezzi, cultura enologica e vigne ricercate dalla loro parte. È questo il caso del progetto Tempa di Zoè che vede coinvolte le note cantine Feudi di San Gregorio, Francesco Domini, Vincenzo d’Orta e Bruno De Conciliis. Si sono congiunte le forze in nome del Cilento vitivinicolo, zona meravigliosa che merita senza dubbio ancor più attenzione e ambasciatori capaci come i suoi soci: dei maghi nel veicolare i propri territori. Nata già con la collaborazione delle aziende d’Orta – De Conciliis, si è rafforzata con l’acquisizione delle altre due realtà, coniando il proprio nome prendendo spunto dalle “tempe”, le sinuose colline che attraversano il Cilento, e dalla parola Zoè – in greco “essenza della vita”. Due i vini assaggiati, il Diciotto, Aglianico cilentano dall’indole profonda vinificato alla Feudi di San Gregorio, e il già noto Zero, un rosso ottenuto da uve parzialmente appassite, che dalla lavorazione trae bella energia gustativa.