Terenzuola Colli di Luni Vermentino Fosso di Corsano 2021

14,26 €
+-

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Giallo paglierino brillante.

Olfatto

Il naso è giocato su un'altalena di sensazioni di frutta a polpa gialla ed esotica, fiori di campo, zucchero a velo e gesso.

Gusto

In bocca non esita a dare dimostrazione di forza garbata e sicuro equilibrio, con glicerica morbidezza e vena fresco-sapida carezzevole. Lunga e minerale la chiusura.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2021
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Guyot
ALCOL 14.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Manuale, divisa per maturazione delle diverse parcelle durante le ultime settimane di settembre e la prima di Ottobre.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Colli di Luni
TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Fosdinovo (MS)
TERRENO Terreno scistoso e ricco di scheletro per il vigneto principale di circa 3 ettari, nelle restanti parcelle il suolo è prevalentemente sabbioso.
AFFINAMENTO Sui propri lieviti in tini di acciaio per 6-7 mesi. Imbottigliamento: Marzo con uscita sul mercato dopo 2-3 mesi di affinamento in vetro.
PRODUZIONE ANNUA 40000
PIANTE PER ETTARO 8400
VINIFICAZIONE Sistemi soffici per il ricevimento delle uve, breve macerazione a freddo, fermentazione a basse temperature, suddivisa per le diverse parcelle.
TIPOLOGIA Bianchi
RESA ETTARO 70 q.

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Terenzuola
Anno avviamento: 1993
Ettari coltivati: 22
Nome enologo: Linda Franceschi
Indirizzo: Via Vercalda, 14 - Fosdinovo (MS)
Sito web: www.terenzuola.it

Terenzuola è un'azienda agricola vinicola con sede a Fosdinovo (MS) e i suoi 22 ettari di vigna si sviluppano su territori diversi e di rara bellezza, tra Liguria e Toscana. Dai Colli di Luni ai terreni del Candia all'ombra delle Cave di Marmo tra Massa e Carrara, fino ai terrazzamenti eroici delle Cinque Terre. I vigneti di Terenzuola si collocano nel solco di una tradizione antica che risale ai tempi dei Romani. Il recupero di impianti fitti come era buona pratica prima dell’avvento dei trattori, quando in vigna si andava con il mulo o il bue, porta Ivan a piantare 8500 ceppi per ettaro e a triplicare la densità dei filari. Le piante così vicine entrano in competizione fra loro e sono spinte a cercare il nutrimento nella profondità del terreno, diventando sempre più forti e meno bisognose di cure.