-
  • Artigianali

  • Lieviti indigeni

  • Senza solfiti

  • Zero filtrazioni

  • Biologici

Valturio Chiù 2012

17,08 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Taglio bordolese (Cabernet Sauvignon e Merlot) il cui nome Chiù, come Pascoli chiamava l'Assiolo, è riferito ad un uccello presente dalla primavera all'autunno inoltrato. La presenza di questo volative testimonia inoltre la purezza e l'integrità degli ambienti dove questa cantina coltiva i propri vigneti. Nonostante vengano usati vitigni internazionali viene ugualmente impresso un timbro  unico a questo vino rosso biologico. E' un vino di carattere di gran corpo, con tannini vellutati e consistenti, a lungo persistente. Vivace e molto ben strutturato. Oltre a un colore profondo al naso si possono percepire intensi aromi di frutta matura e spezie.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 79 EURO

Colore

Rubino intenso e profondo.

Olfatto

Aroma di cioccolato, ribes e mora selvatica. Elegante e complesso, con predominanza di piccoli frutti neri e maturi. Raffinate note speziate di vaniglia, tabacco, caffè e cuoio russo.

Gusto

Sapore di gran corpo, con tannini vellutati e consistenti, a lungo persistente. Vivace e molto ben strutturato.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2012
VITIGNI 50% Cabernet Sauvignon, 50% Merlot
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Ottobre

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE IGT Marche
TEMPERATURA 16-18
UBICAZIONE Macerata Feltria (PU)
AFFINAMENTO 18 mesi in barrique di legni francesi di varie foreste. Affinamento 12 mesi in bottiglia.
VINIFICAZIONE Macerazione delle bucce con frequenti follature e fermentazione malolattica in barrique.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Gambero Rosso 2009
Gambero Rosso 2010
Bibenda 2009
James Suckling 2009 2
James Suckling 2010 2

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Valturio
Anno avviamento: 2002
Ettari coltivati: 10
Nome enologo: Vittorio Fiore
Indirizzo: Via dei Pelasgi, 10 - Macerata Feltria (PU)
Sito web: www.valturio.com

L’Azienda Agricola Valturio, fondata da Adriano Galli e Isabella Santarelli, nasce nel 2002 sul progetto di riportare il Montefeltro alla produzione di vino di alto livello, secondo una tradizione che ha testimonianze secolari, dai tempi dei Duchi Montefeltro agli albori del secolo scorso. Nei primi del Novecento la famiglia Antimi Clari, una delle più illustri di Macerata Feltria, vinceva ripetutamente medaglie d’oro all’Esposizione Nazionale dei Vini di Torino e tracce di vecchie barriques restano anche nelle cantine di Palazzo Gentili Belli. Il defunto avvocato Egisto Gentili Belli raccontava che la sua famiglia, sempre ai primi del secolo scorso, forniva alla Francia i prodotti della filanda di cui era proprietaria in cambio di botticelle di rovere per l’invecchiamento del vino. L'azienda ha volute chiamarsi Valturio in omagiio a Roberto Valturio, figlio di Cicco de Valturii che nel 1386 lascia la natia Macerata Feltria per trasferisi a Rimini, dove Roberto nascerà nel 1405. Roberto Valturio è un uomo emblematico del proprio tempo, con una cultura che spazia dale lettere alla scienza ed alla tecnica, con quella fiducia del prorpio ingegno e quell'intraprendenza che oggi riconosciamo come tipici del Rinascimento. Dopo un period trascrso a Roma presso papa Eugenio IV, Valturio torna a Rimini con l'incarico di consigliere di Corte durante la Signoria di Sigismondo Malatesta. La sua opera De re military, completata nel 1455 e data alle stampe nel 1472 in un celebre incunabolo figurato, gli diede fama e prestigio sopranazionale e suscitò entusiastico dello stesso Leonardo da Vinci.