Villa Matilde Caracci 2017

23,50 €
+-

Descrizione

Dettagli del vino

Prodotto solo nelle migliori annate con uve raccolte nell'omonimo vigneto, uno dei più vecchi e meglio esposti della tenuta di San Castrese alle falde del vulcano spento di Roccamonfina.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Giallo paglierino intenso dai riflessi dorati.

Olfatto

Profumo caratteristico di rosa canina, banana, ananas, pera Williams, burro di cacao e sentori di muschio, nocciola tostata e vaniglia.

Gusto

Di sapore pieno, vellutato e persistente, è senza dubbio un vino elegante e di carattere.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2017
SISTEMA DI ALLEVAMENTO Guyot con circa 6-8 gemme per pianta.
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Prima decade di Ottobre.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOC Falerno del Massico
TEMPERATURA 12-14
UBICAZIONE Cellole (CE)
TERRENO Vulcanico con buona dotazione di fosforo, potassio e microelementi.
AFFINAMENTO In acciaio e poi in bottiglia per minimo 8 mesi.
PIANTE PER ETTARO 3500
VINIFICAZIONE Criomacerazione delle uve per ottenere una maggiore estrazione aromatica e di struttura. Una parte del mosto così ottenuto fermenta in acciaio e una parte in barriques di Allier di media tostatuta per circa 20 giorni allo scopo di esaltare le doti di armonia e morbidezza naturalmente presenti nelle uve di questo vigneto e del suo particolarissimo "terroir".
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Bianchi
RESA ETTARO 3000 .

Dettagli

Premi

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Villa Matilde
Anno avviamento: 1960
Ettari coltivati: 70
Nome enologo: Riccardo Cotarella e Fabio Gennarelli
Indirizzo: Cellole (CE)
Sito web: www.villamatilde.it

Negli anni ‘70 l’avvocato Francesco Paolo Avallone, appassionato cultore di vini antichi, riuscì ad individuare dopo anni di ricerche, coadiuvato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Agraria, le viti che un tempo davano vita al famoso Falerno, vino decantato sin dall’epoca romana e poi distrutto da un parassita devastante, la filossera, agli inizi del novecento. Francesco Paolo Avallone ripiantò gli antichi vitigni del Falerno proprio nel territorio del Massico dove un tempo erano prosperati e fondò Villa Matilde, oggi affidata ai suoi due figli, Maria Ida e Salvatore.