Villa Matilde Cecubo Roccamonfina 2014

23,50 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Rosso cupo e fitto.

Olfatto

Inconfondibile profumo di prugne con sentori di frutti di bosco, vaniglia, cacao e note di liquirizia e tabacco.

Gusto

In bocca dona sensazioni di grande eleganza, morbidezza e struttura con tutte le componenti equilibrate e tannini vellutati.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2014
VITIGNI 30% Piedirosso, 25% Primitivo, 45% Abbuoto
ALCOL 13.50
FORMATO 0,75 L Standard
RACCOLTO Primitivo: fine agosto, principio di settembre, Piedirosso: seconda decade di ottobre.

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE IGT Roccamonfina
TEMPERATURA 16-18
UBICAZIONE Tenute di S.Castrese - Sessa Aurunca
TERRENO Vulcanico con una buona dotazione di fosforo e potassio.
AFFINAMENTO In barriques di rovere di Allier per 12 mesi, nuove per un terzo.
PRODUZIONE ANNUA 25000
PIANTE PER ETTARO 4500
VINIFICAZIONE Uve raccolte e selezionate a mano, pigiate delicatamente ed il mosto cosi ottenuto fermenta insieme alle sue vinacce ad una temperatura di circa 25/26° C, al termine della quale si sviluppa la fermentazione malolattica.
DECANTAZIONE 2 ore
TIPOLOGIA Rossi
RESA ETTARO 5000

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Veronelli 2008
Veronelli 2013
Veronelli 2014
Wine Spectator 2001 87
Wine Advocated 2001 89
Wine Advocated 2010 92
Wine Advocated 2013 94
James Suckling 2013 89

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Cantina

Nome: Villa Matilde
Anno avviamento: 1960
Ettari coltivati: 70
Nome enologo: Riccardo Cotarella e Fabio Gennarelli
Indirizzo: Cellole (CE)
Sito web: www.villamatilde.it

Negli anni ‘70 l’avvocato Francesco Paolo Avallone, appassionato cultore di vini antichi, riuscì ad individuare dopo anni di ricerche, coadiuvato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Agraria, le viti che un tempo davano vita al famoso Falerno, vino decantato sin dall’epoca romana e poi distrutto da un parassita devastante, la filossera, agli inizi del novecento. Francesco Paolo Avallone ripiantò gli antichi vitigni del Falerno proprio nel territorio del Massico dove un tempo erano prosperati e fondò Villa Matilde, oggi affidata ai suoi due figli, Maria Ida e Salvatore.