Vinchio Vaglio Barbera d'Asti Superiore Vigne Vecchie 2016

18,30 €
+ -

Descrizione

Dettagli del vino

Nel territorio d'incidenza della cantina esistono dei vigneti di Barbera molto vecchi il cui periodo d'impianto è anteriore alla seconda guerra mondiale. Sono vigneti a sesto d'impianto molto ravvicinato, con giaciture molto ripide ed una eccezionale esposizione. Le uve provenienti dalle "Vigne Vecchie" sono in assoluto le più zuccherine e mantengono un alto livello qualitativo anche nelle annate meno favorevoli.

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 EURO

Colore

Brillante rosso rubino con lievi riflessi aranciati.

Olfatto

Profumo intenso, etereo, speziato, leggermente boisé.

Gusto

In bocca presenta una buona struttura, è morbido, con tannini leggeri e dolci, molto persistente.

Abbinamenti

Ideale per accompagnare primi piatti saporiti con sughi di carne o funghi. Si abbina a secondi a base di carni rosse (brasati, arrosti) e selvaggina. Bene con formaggi erborinati, stagionati e piccanti.

Dettagli

Caratteristiche

ANNO 2016
ALCOL 14.50
FORMATO 0,75 L Standard

Dettagli

Informazioni

CLASSIFICAZIONE DOCG Barbera d'Asti
TEMPERATURA 18-20
UBICAZIONE Vinchio (AT)
AFFINAMENTO 12 mesi di affinamento in barrique francesi.
PRODUZIONE ANNUA 10000
VINIFICAZIONE Diraspapigiatura, macerazione a temperatura controllata in vinificatori programmabili che si protrae per cica 10 giorni.
DECANTAZIONE 1 ora
TIPOLOGIA Rossi

Dettagli

Premi

ESPERTO ANNO VOTO
ESPERTO ANNO VOTO
Veronelli 2017
Bibenda 2017

Recensioni degli utenti:

Non ci sono ancora recensioni per questo vino. Facci sapere la tua opinione!

Nome: Vinchio-Vaglio Serra
Anno avviamento: 1959
Ettari coltivati: 450
Nome enologo: Giuseppe Rattazzo
Indirizzo: Regione San Pancrazio, 1 - Vinchio (AT)
Sito web: https://vinchio.com/

La storia di Vinchio e Vaglio Serra è la storia dell’amore dei loro abitanti per una terra difficile, magra, dai pendii così accentuati da dover ammettere quanto siano credibili detti come: “S’ot dròca la colassion, it la treuvi pì!” (Se ti cade la merenda non la trovi più!), o ancora: ”S’ot dròca ël bertin, ot toca curije drera fin ant la val”(Se ti scivola il berretto devi inseguirlo fino a valle); una terra le cui vigne scoscese e a strapiombo ai margini dei boschi sono state “educate” a prezzo di fatiche inenarrabili, dove ogni goccia del “rubino di Vinchio” (così si è soliti chiamare la Barbera) equivale a mille (e forse son poche) gocce di sudore versato. Ma è proprio con quello che la vigna sa dare, che tanta dedizione viene ripagata; questi filari sono capaci di consegnare alle laboriose mani degli uomini uve rare ed eccezionali. Perché su queste colline il sole brilla tutta la giornata, le brine e la nebbia sono assenti e il filare fa ombra solo a se stesso dall’alba al tramonto. Su queste colline nascono i grandi vini.